La Corte di Cassazione, nella recente sentenza 18443-13  ha ritenuto illegittimo il trattamento dei dati posto in essere da una società che, nel comminare ai danni di un proprio dipendente, dapprima una contestazione disciplinare e poi l’intimazione del licenziamento, ha riportato analiticamente il contenuto degli accessi ai siti internet compiuti durante l’orario di lavoro.

Clicca QUI per continuare la lettura dell’articolo su www.privacyofficer.pro

The following two tabs change content below.
Luca Zenarolla

Luca Zenarolla

Avvocato, mi occupo sin dai tempi dell'Università di diritto delle nuove tecnologie. Sono il presidente del Centro Innovazione & Diritto.